Back to the top

I robot KUKA al servizio degli eventi con Clonwerk-AVS-Limited Music

L’agenzia ha collaborato con l’azienda di service AVS nella realizzazione dell’evento di dimostrazione delle potenzialità e delle funzionalità dei bracci robotici KUKA nel settore dell’entertainment.

Il 23 novembre 2016, all’ex Caserma di via Guido Reni di Roma, si è svolto l’evento Robotika, una spettacolare dimostrazione nella quale Clonwerk ha collaborato con l’azienda di service AVS per presentare le potenzialità d’interazione tecnico artistiche dei bracci robotici KUKA nell’intrattenimento.

Clonwerk, assieme al responsabile commerciale di AVS e al Business Development Manager General Industry presso KUKA Roboter, hanno presentato la tecnologia a un pubblico costituito da tutte le società interessate all’applicazione dei robot al mondo dell’entertainment. Clonwerk ha contribuito alla realizzazione del sistema di comunicazione con i bracci robotici e alla creazione dei contenuti video.

“Nel primo step di sviluppo con tecnologia Kuka, abbiamo studiato metodi di virtualizzazione dell’installazione – spiega Alessio Pastorello, del reparto Ricerca e Sviluppo di Clonwerk -. Non è stato scontato riposizionare e muovere in ambiente virtuale 3D i due robot, considerando il livello di precisione necessario e non consueto per ambienti di produzione di video grafica. Abbiamo così sviluppato e testato un software che ci consente una comunicazione funzionale tra l’ambiente virtuale e quello reale”.

Attraverso questo tipo di software, i KUKA sono in grado, oltre che di esibirsi in vere e proprie coreografie, di interagire con la scena ed animare contributi grafici, con la possibilità quindi di essere adoperati in molteplici occasioni: per eventi, convention, programmi televisivi, ecc.

“I bracci robotici nell’intrattenimento sono soluzioni che permettono l’efficace movimentazione di porzioni scenografiche – prosegue Axel Egon Sanvoisin, Clonwerk -. La precisione millimetrica in sincrono con i contenuti video, l’audio e eventuali coreografie, non ha limiti di utilizzo e di creatività. E’ fondamentale per Clonwerk e fin da ora interpretare le potenzialità di questo nuovo strumento, saperlo utilizzare per proporlo a creativi come architetti, stage designers, coreografi e registi. Il progetto con i Kuka è parte dei nostri investimenti nella ricerca e nello sviluppo, e contribuisce a renderci attori principali delle evoluzioni dell’interaction design di oggi e dei prossimi anni”.

3
©Limited Music Trade S.r.l. - P. IVA 11802751005